Sun, 09 Aug 2020 07:00:00 +0200

L'auto nel mondo dei fumetti.

A A A

Il mondo dei fumetti omaggia l'automobile a colpi di inchiostro: dai veicoli di pura invenzione alle più fedeli riproduzioni di vetture prestigiose, molti autori hanno ritratto i propri protagonisti alla guida di auto che sono entrate nell'immaginario collettivo come simboli distintivi di alcuni personaggi.

Buffe e malandate

Tra le quattro ruote più "anziane" c’è probabilmente la 313 di Paperino (apparsa per la prima volta nel 1937). L'auto è stata disegnata da centinaia di pennini, ma la sostanza non cambia: un'utilitaria a due posti piccola e sgangherata con carrozzeria rossa e blu, il cui nome è riportato anche sulla targa. Il design non si basa su nessuna automobile realmente esistita ed è ancora più riconoscibile della 113 di Topolino: la 313 non è di certo affidabile, tanto che l'irascibile e sfortunato proprietario è spesso costretto a prenderla a calci nella speranza di farla funzionare. Quando però Paperino è costretto ad indossare i panni del giustiziere mascherato Paperinik, la piccola automobile si rivela essere un formidabile mezzo, capace di contenere gadget altamente tecnologici.

Anche Dylan Dog ha qualche problema al volante: il detective dell'occulto, nato dalla penna di Tiziano Sclavi, guida infatti una malmessa Volkswagen Maggiolino cabrio bianca targata DYD 666, ottenuta come parcella per la risoluzione del suo primo caso.

Auto da fuorilegge

La Jaguar E-Type è indissolubilmente legata all'immagine di Diabolik, il ladro mascherato creato nel 1962 dalle sorelle Giussani: nera e sinuosa, è dotata di gadget fuori dalle righe. La compagna Eva Kant ne guida un modello bianco. L'idea che l'auto venisse associata a un malvivente, però, non era condivisa dal marchio automobilistico, tanto che Jaguar non permise di mostrare il logo nei disegni. Strano poi che diversi anni dopo la stessa casa automobilistica abbia chiesto i diritti per usare le immagini del fumetto in occasione del cinquantennio del modello.

Un altro furfante, Lupin III - il ladro gentiluomo creato da Monkey Punch nel 1967 - ha guidato diverse automobili e veicoli. Tutti quelli disegnati dall'autore sono riproduzioni fedeli, ma quella che più ci ricorda questo personaggio non può che essere la Fiat Nuova 500 gialla. La piccola utilitaria italiana, in realtà, diventerà compagna fissa di Lupin solo quando il maestro Hyao Miyazaki deciderà di inserirla nel suo film d'animazione "Lupin III e il Castello di Cagliostro" (1979). Da quel momento in poi l'auto gli verrà affiancata nelle successive apparizioni, compresa la serie animata, consacrandola come fedele compagna di Lupin.

Sempre super

La vera star dei fumetti è però la Batmobile, emblema della supercar - super-accessoriata, nera e dalla linea accattivante. L'auto del cavaliere oscuro ha subito un'infinità di trasformazioni: al suo debutto nella fine degli anni '30 era una semplice berlina e non si chiamava neanche così, poi avrebbe assunto le sembianze di una Corvette, di una Cadillac, di una Jaguar XKE. Una lista molto lunga, per non parlare delle versioni live-action, dalla Batmobile della serie tv con Adam West, passando a quella gotica di Tim Burton. Che sia una scattante decapottabile, o un veicolo super corazzato come nella trilogia di Christopher Nolan, la Batmobile resta una vera e propria icona pop.


Indietro